Petizione su discariche e amianto: oggi consegnate le oltre 500 firme raccolte dai volontari

Raccolta firme, consegna presso l'ufficio protocollo del Comune di Terlizzi
Raccolta firme, consegna presso l’ufficio protocollo del Comune di Terlizzi

Puliamo Terlizzi, su impulso dell’associazione bitontina “Colibrì ATAS”, in questi due mesi si è fatta promotrice di due petizioni popolari riguardanti:

1.La non autorizzabilità di discariche di rifiuti in aree produttive agricole attraverso la modifica dell’art 2.13 delle Norme Tecniche di Esecuzione del vigente Piano Regolatore Generale di Terlizzi, puntando piuttosto sulla “Strategia Rifiuti Zero” che tende ad azzerare i rifiuti portati in discarica e quindi la necessità stessa di nuove discariche;

2.La richiesta, rivolta al Consiglio Comunale, di sollecitare la Regione all’approvazione del Piano Regionale Amianto Puglia e delle norme tecniche di attuazione, contenenti procedure semplificate per lo smaltimento di MCA integri di modeste dimensioni e peso;

I volontari hanno riscontrato un forte interesse da parte dei cittadini coinvolti, i quali si sono fermati volentieri ai banchetti organizzati dall’Associazione nelle piazze centrali della città, per approfondire le questioni e non di rado porre quesiti spinosi. Il problema dello smaltimento dei manufatti in cemento-amianto (MCA) è molto sentito dalla popolazione ed il Piano Regionale (adottato ma non ancora approvato) potrà offrire delle facilitazioni burocratiche (con conseguente abbattimento dei costi) per evitare che tante tonnellate di eternit vengano disperse nell’ambiente con conseguenze importanti sulla salute dei cittadini vicini e lontani dagli scarichi di questo pericoloso materiale, messo al bando da una legge del 1992.

Si conclude così un periodo di informazione e sensibilizzazione su due temi che torneranno, purtroppo, più volte in testa all’agenda dell’Associazione. Ora l’augurio è che le due petizioni vengano discusse dal Consiglio Comunale in tempi ragionevoli (60-90 giorni dalla deposizione delle firme).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi