Traiana martoriata da nuovi scarichi illeciti e occupazioni sospette, Puliamo Terlizzi scrive a Comune e Parco Tratturi

traiana_06Ci ritroviamo a denunciare ancora una volta nuovi scarichi illeciti di rifiuti, anche speciali e pericolosi lungo la nostra Via Francigena, l’Appia-Traiana.
Le foto, scattate nella giornata del 13 novembre 2015, mostrano solo gli ultimi sversamenti avvenuti probabilmente a cavallo tra fine ottobre e la prima decade di novembre. E pensare che molti dei rifiuti rinvenuti potevano essere conferiti presso la locale isola ecologica.
Una situazione intollerabile per il nostro territorio e per un tratturo di grande interesse storico-archeologico perchè inserito nei percorsi della Via Francigena dalla Regione Puglia e riconosciuto nell’itinerario delle Vie Francigene del Sud da parte dell’AEVF (Associazione Europea delle Vie Francigene) ed in via di ufficializzazione da parte del Consiglio d’Europa.
Da non sottovalutare anche il danno ambientale con materiali speciali che si disperdono per le campagne o fibre di amianto che circolano nell’atmosfera.

Una situazione tanto grave da convincere la nostra associazione a scrivere ancora una volta una lettera dettagliata di denuncia, sia per quanto concerne il degrado che per le occupazioni sospette di suolo demaniale che restringono in più punti l’antica via.
La lettera sarà indirizzata sia al Comune che all’Ufficio Parco Tratturi della Regione Puglia, con sede a Foggia.

Come abbiamo altresì segnalato in altre occasioni, non si ha notizia delle bonifiche ambientali finanziate da Comune, Provincia e Regione che dovrebbero partire proprio dalla Traiana.
Soldi stanziati, gara aggiudicata ma tempi biblici per l’esecuzione dei lavori.

Tuttavia le bonifiche non basteranno a fermare questo scempio reiterato ai danni del nostro patrimonio, occorrono più controlli sul territorio e perchè no, un sistema di videosorveglianza di alcuni dei principali varchi delle strade rurali.

 

 

 

1 thought on “Traiana martoriata da nuovi scarichi illeciti e occupazioni sospette, Puliamo Terlizzi scrive a Comune e Parco Tratturi

Rispondi