Ennesimo stupro ambientale in località Padula

padula 02E’ accaduto ancora! Siamo in località “Padula”, in una dolina a pochi metri dall’Appia-Traiana, un’area che sulla carta dovrebbe essere tutelata perchè definita dal Piano Comunale dai Tratturi (integrato nel PRG) come “Elementi di pregio paesaggistico da salvaguardare”.

Questa conca naturale, che in passato era “la palude” di Terlizzi è oggetto di continui abbandoni illeciti di rifiuti. L’ultima scoperta, fatta venerdì 26 giugno dai volontari di Puliamo Terlizzi è sconcertante: decine di pezzi di auto, di materiale apparentemente plastico, riversati sul suolo, a pochi metri dai pozzi romani che caratterizzano il sottosuolo della Padula.

Questi rifiuti si aggiungono alle tonnellate di macerie edili, alle decine di pneumatici e ingombranti (recuperati dai volontari nei mesi scorsi), ai manufatti in cemento-amianto ed al degrado generale che caratterizza l’area.

In passato la nostra associazione aveva denunciato altri atti illeciti consumatisi nell’area e chiesto maggiore tutela per un sito che merita di essere strappato dalle mani degli incivili.

Abbiamo chiesto immediatamente all’ASV (l’azienda che raccoglie e smaltisce i rifiuti di Terlizzi) di ripulire l’area dall’ultimo abbandono incontrollato onde evitare l’effetto “finestre rotte”, attraendo cioè nuovi scarichi di spazzatura.

 

, ,

Rispondi